IMG-20190621-WA0008 - Copia

A Nairobi si torna a scuola! Lo sguardo di Bruna (17)

Sembra che la pandemia stia pian piano attenuandosi in Kenya. Dall’inizio dell’anno i nuovi positivi e i morti per il contagio sono in diminuzione. E’ molto calato, peró, anche il numero dei tamponi effettuati quotidianamente e di conseguenza il controllo della circolazione del virus tra la popolazione, ma l’impressione é che il pericolo stia progressivamente diminuendo, almeno per il momento. Perció il paese sta progressivamente tornando alla normalitá. Riaprono le scuole, ma in molti mancano all’appello Il segno piú importante è la ripresa della scuola, o meglio delle lezioni per tutte le classi (per gli studenti delle classi d’esame erano giá cominciate in settembre). Il 4 gennaio è suonata la campanella di inizio del nuovo anno scolastico, ma i problemi da affrontare perché la situazione torni a quella dello scorso marzo, quando tutto si é fermato a causa della pandemia, rimangono enormi. Secondo calcoli ufficiali, il 25% dei bambini e

Leggi tutto..

78855724_10156607463712826_5923292880855629824_o

Un 3 dicembre diverso dal solito. Lo sguardo di Bruna (16)

  La prima settimana di dicembre è internazionalmete dedicata a promuovere i diritti delle persone disabili. Il 3 dicembre é la giornata a loro dedicata dall’Onu. Un appuntamento prezioso per tutti Negli anni scorsi in questi giorni gli operatori di Paolo’s Home erano presissimi nell’organizzare una manifestazione festosa per le strade di Kibera, coinvolgendo altre organizzazioni del territorio. Protagoniste le mamme con i loro bambini con disabilità, finalmente a testa alta, piene di energia e di coraggio, pronte a sfidare senza timore i pregiudizi ancora cosí radicati nella societá keniana, e non solo, che le isolano e le colpevolizzano. Insieme a loro gli operatori del centro e di altre organizzazioni che si occupavano di disabilitá. In testa la banda che dava il ritmo delle danze che duravano per tutto il tempo del corteo. Veramente un’occasione emozionante che serviva a caricare tutti noi, a sostenerci per moltiplicare gli sforzi nei mesi che sarebbero

Leggi tutto..

IMG-20180212-WA0014

La pandemia non rallenta. Lo sguardo di Bruna (15)

Anche in Kenya il coronavirus ha ricominciato a correre. Nell’ultima settimana i contagiati sono stati in media piú di 1000 al giorno e i morti una quindicina. Mai successo prima, neppure nel mese di luglio, quando si pensava che il contagio fosse giunto al suo apice. La nuova ondata dell’epidemia ha giá costretto alla chiusura diverse istituzioni e servizi. Secondo i mezzi d’informazione locali, hanno dovuto interrompere le attivitá gli uffici di almeno 8 contee (paragonabili alle nostre regioni ma con maggiori competenze e un maggior grado di autonomia), numerose scuole, aperte all’inizio di ottobre solo per le classi di esame, e diversi altri servizi pubblici. Impiegati, insegnanti e anche studenti sono stati contagiati in gran numero, perció hanno dovuto iniziare le cure e l’isolamento previsto dalle misure imposte dal governo e questo ha portato all’interruzione delle attivitá.  Secondo analisi della situazione, pure pubblicati dai mezzi d’informazione locali, la circolazione

Leggi tutto..

DSC_0138

Alle brutte notizie non ci si abitua mai. Lo sguardo di Bruna (14)

Paolo’s Home e pandemia L’impatto della pandemia da coronavirus è stato rilevante anche sul lavoro e sulla “grande famiglia” di Paolo’s Home. Il centro ha rivisto la sua organizzazione per adeguarla alla nuova situazione e alle direttive del governo. Le attivitá sono riprese appena passato il primo periodo di emergenza, in cui era necessario valutare il reale impatto del contagio sul paese, e nelle baraccopoli in particolare. E sono riprese tenendo conto prima di tutto dell’emergenza alimentare. Grazie alla generositá dei donatori italiani, che hanno contribuito con piú di 9.000 euro al nostro appello di emergenza, e di un’associazione tedesca, Sign of Hope, il centro ha potuto effettuare 6 distribuzioni di pacchi alimentari a circa 180 famiglie di bambini ora o nel passato in cura presso Paolo’s Home. Erano tutte famiglie in gravi difficoltá per aver perso ogni fonte di reddito. Le distribuzioni periodiche, fatte nell’arco di circa quattro mesi,

Leggi tutto..

????????????????

Kenya, niente riapertura delle scuole. Lo sguardo di Bruna (13)

Lunedí scorso, 28 settembre, grande era l’aspettativa per il discorso alla nazione del presidente Uhuru Kenyatta sulla situazione relativa alla pandemia da Covid 19 in Kenya. Da lui la gente si aspettava indicazioni sulla riapertura del paese dopo mesi di lockdown, rigoroso all’inizio e poi sempre piú attenuato, ma pur sempre segno di un problema non risolto. L’impatto della pandemia sulla vita dei keniani e sull’economia del paese è stato drammatico nonostante il fatto che, finora, il numero delle vittime sia stato piuttosto limitato. I morti ufficiali sono per ora poco piú di 700 e i positivi al virus poco piú di 38.500 su una popolazione di circa 47,6 milioni (censimento 2019). Nel paese, peró, si effettuano pochissime migliaia di tamponi al giorno e i risultati sono tutt’altro che tempestivi; é dunque difficile stimare quale sia la reale circolazione del virus . Debito e perdita dei posti di lavoro E’

Leggi tutto..

WhatsApp Image 2020-06-22 at 10.28.41

Paolo’s Home: ripresa e nuove routine

“Nei giorni scorsi sono passata a Paolo’s Home, c’era il training delle mamme. Mi son trovata davanti una bella situazione, distanze rispettate, tante mamme con i bambini in braccio e profumo di spezzatino di capra. In palestra c’erano al lavoro 3 fisioterapisti… ora la fisioterapia è attiva 5 giorni a settimana nella sede nuova di Karanja Road e 3 volte nell’ambulatorio di Kivuli. Ci sono molti nuovi bambini che la frequentano e un sacco di nuove richieste che purtroppo, in questa situazione, lo staff non riesce a prendere in considerazione. Nell’ambulatorio distaccato di Kivuli il numero dei bambini che frequentano la fisioterapia è cresciuto fino a 45 e ora riescono a garantire una seduta a settimana per ogni bambino, per non creare situazioni di affollamento. Anche nella sede centrale di Karanja il numero è aumentato e le sessioni a settimana previste per ogni bambino sono due”. (Bruna, volontaria di Cittadinanza

Leggi tutto..

distribution wolisso (4)

Etiopia tra contagi e tensioni sociali

Sono stati e rimangono ad oggi giorni molto duri per l’Etiopia. Il paese è, infatti, teatro di una profonda crisi politica e sociale, in particolar modo in seguito alla decisione di posticipare le elezioni politiche previste per maggio e all’uccisione del popolare attivista Oromo Hachalu Hundessa, avvenuta lo scorso 29 giugno. Da fine giugno in tutta la regione dell’Oromia,  dove Cittadinanza svolge le sue attività sia all’interno dell’ospedale St. Luke sia con l’associazione VCBRA, si susseguono manifestazioni e violente proteste di persone che hanno attaccato proprietà private e contribuito, assieme alla repressione delle forze di sicurezza, all’uccisione di più di 200 persone. A questa grave situazione sociale si aggiunge l’emergenza sanitaria: i casi di COVID-19 sono infatti saliti in modo molto preoccupante nelle ultime settimane, sebbene il numero esiguo di test che in governo è in grado di effettuare (circa seimila al giorno in tutto il paese). Ad oggi si contano

Leggi tutto..

03 - Copia

Lettere da Catherine: BNLS vs pandemia

Caro Alessandro e cari amici di Cittadinanza, spero e prego che questa lettera vi trovi in buona salute. Per fortuna, qui stiamo tutti bene e al sicuro, ringraziando Dio. La situazione dei bambini e dei ragazzi del BNLS In India siamo ancora in lockdown, si susseguono allentamenti e restrizioni ma purtroppo c’è un aumento allarmante di casi positivi e della mortalità. Le misure di sicurezza sono ampiamente raccomandate. Purtroppo le istituzioni educative, tra cui rientra anche il Best New Life Shelter, sono ancora tutte bloccate e non ci sono informazioni su un’eventuale riapertura. Spero davvero che l’Italia sia tornata alla normalità,  dopo le gravissime perdite che avete subito. Possa Dio darci la forza e la determinazione per combattere la pandemia e lasciarci tutti respirare aria fresca senza maschere al più presto. In questa situazione, abbiamo cercato di raggiungere i nostri studenti nelle loro case, perché desideravamo conoscere le loro condizioni

Leggi tutto..

IMG-20180213-WA0031

Scuole chiuse fino a fine anno. Lo sguardo di Bruna (12)

Anche in Kenya l’educazione è tra i settori messi maggiormente in crisi dalla pandemia per il Covid 19. Le scuole di ogni ordine e grado sono chiuse dalla metá dello scorso marzo e riapriranno in gennaio. E’ cosí saltato un intero anno scolastico; nel paese, infatti, le lezioni iniziano a gennaio e finiscono in dicembre. Quest’anno non ci saranno esami per il passaggio da un ciclo all’altro e per la fine della scuola media superiore e dunque, a quanto sembra di capire dalle frammentarie informazioni diffuse attraverso i mass media, neppure ammissioni all’universitá. Educazione online, ma per chi? Negli scorsi mesi molto si é discusso di educazione online e le scuole, in particolare le superiori, hanno tentato di seguire le disposizioni ministeriali, ma hanno presto dovuto constatare che la metodologia aveva beneficiato solo una strettissima minoranza di studenti. Tutti gli altri, e soprattutto quelli dei ceti sociali meno abbienti e quelli che

Leggi tutto..