logo-2015

Il problema

Il Kenya ha una popolazione di circa 46 milioni di abitanti, con un’età media di 19 anni e il 43,4% che vive al di sotto della soglia di povertà. A dispetto della legislazione, che ha recentemente disposto l’erogazione di servizi per la salute mentale a livello comunitario, la realtà è molto differente, con meno di 100 medici psichiatri in tutto il paese (fonte WHO). Gli unici servizi pubblici sono offerti dal grande ospedale psichiatrico di Mathare a Nairobi e da altri tre più piccoli istituti psichiatrici ubicati in differenti regioni del paese. Nei fatti, però, a questi servizi possono accedere solo persone che lavorano ed hanno di conseguenza un’assicurazione sanitaria che ne copra il costo.

Lo stigma verso le persone con patologie mentali è ancora molto elevato, così come il loro isolamento sociale. Problemi aggravati in una realtà di disgregazione come quella di Kibera (Nairobi), uno degli slum più popolosi e poveri di tutta l’Africa Subsahariana.

Cittadinanza - Nairobi gallery 3

La risposta di Cittadinanza

Cittadinanza - Nairobi gallery 4
Cittadinanza - Nairobi gallery 5

Dal 2013 Cittadinanza sostiene il Centro “Paolo’s Home”, che assiste i bambini con disabilità psicofisica a Kibera. Il centro è stato aperto nel 2008 dall’associazione Koinonia ed è oggi frequentato da 110 bambini affetti da paralisi cerebrale, epilessia, autismo, sindrome di Down, danni cerebrali dovuti a meningite o complicazioni del parto, e per lo più in condizione di malnutrizione.

Nel 2013, accanto all’ambulatorio di fisioterapia è stato inaugurato il Centro Diurno, dove 15 bambini beneficiano ogni giorno di un pasto completo e di attività educative, oltre agli interventi di fisioterapia, secondo un percorso individualizzato, con obiettivi in ambito fisico, cognitivo, comunicativo e sociale. Il team di Paolo’s Home è composto da 2 fisioterapiste, una psicologa, un terapista occupazionale, un assistente sociale, più due educatori che operano principalmente all’interno del centro diurno. Due mamme vengono coinvolte a rotazione nella preparazione dei pasti e nell’accudimento dei bambini, sì da essere protagoniste del processo di riabilitazione e avere un’opportunità di reddito. Nel 2015 è stato avviato per tutte le madri il programma di empowerment: attraverso sessioni di formazione e la disponibilità di materiali di base, possono produrre e commercializzare sandali e prodotti di sartoria.

Il centro promuove iniziative di sensibilizzazione della comunità locale e offre gratuitamente:

Sedute di fisioterapia, anche a domicilio

Distribuzione di farmaci

Distribuzione degli ingredienti per la preparazione dei pasti

Sostegno psico-sociale

per approfondire leggi la scheda completa del progettoAdobe-PDF-Document-icon
NAIROBI
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 20
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 19
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 18
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 17
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 16
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 15
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 13
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 12
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 11
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 10
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 9
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 8
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 7
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 6
  • Cittadinanza - Nairobi gallery 21