Il problema

Cittadinanza - Panamà gallery 2

L’impatto delle malattie attribuite a disordini mentali continua a crescere, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, dove la grande maggioranza di individui non riceve alcun tipo di trattamento o di cura. I disordini mentali, neurologici e legati all’abuso di sostanze sono diffusi in tutto il mondo e sono tra le prime cause di malattia e di morte prematura e la violazione dei diritti umani diretta verso le persone con queste patologie aggrava la situazione. Le risorse fornite fino ad ora sono insufficienti, non equamente distribuite e utilizzate in maniera inadeguata. L’OMS stima che più del 75% delle persone con disturbi mentali vivono nei paesi a basso e medio reddito, i quali utilizzano meno del 2% del budget dei propri sistemi sanitari per la salute mentale.

Nel caso di Panama, la gran parte della popolazione vive in condizioni di vita precarie o di povertà estrema. Fattori come la disoccupazione e l’insicurezza sociale provocano degrado, violenza e abuso di sostanze, che spesso contribuiscono al peggioramento ed isolamento delle persone che soffrono di disturbi mentali.

La risposta di Cittadinanza

A Panama, nelle zone di San Miguelito, Colon, Darien e Boca del Toro, Cittadinanza ha sostenuto il programma dell’OMS Mental Health Gap Action Programme (MHGAP). Il programma ha come obiettivo principale quello d’integrare la salute mentale nei servizi di medicina di base già esistenti nei paesi, attraverso la formazione di personale sanitario non specializzato (medici generali/di famiglia, infermieri, promotori comunitari di salute – ovvero il personale con cui tutte le persone vengono normalmente più spesso e con più facilità a contatto) nel trattamento farmacologico e psicosociale di 8 patologie prevalenti nell’ambito della salute mentale: depressione e altri disturbi dell’umore, psicosi, epilessia, demenza, disturbi del comportamento e della sfera emotiva nell’infanzia e adolescenza, abuso di alcol e sostanze stupefacenti, prevenzione del suicidio.

Oltre ad un sostegno economico, Cittadinanza ha contribuito al programma partecipando alla realizzazione e traduzione in spagnolo del materiale di formazione, e coinvolgendo il proprio responsabile scientifico, insieme a professionisti della salute mentale panamensi e internazionali, nella formazione di oltre 70 tra medici ed infermieri. Nei mesi successivi alla formazione sono stati conseguiti i primi risultati, in particolare nel caso dell’epilessia in quanto prima giovani con tale disturbo venivano inviati a specialisti a pagamento, che le famiglie non si potevano permettere con il risultato che i ragazzi non ricevevano cura alcuna. E’ importante sottolineare che Panama è stato il Paese capofila in tutto il Centro America per l’implementazione del programma mhGAP e che grazie al lavoro portato avanti dagli esperti di salute mentale della Regione e da Cittadinanza Onlus, numerosi sono ora i Paesi coinvolti nel progetto, dove già sono stati formati medici ed infermieri nel trattare le più comuni patologie mentali.

Cittadinanza - Panamà gallery 3
Cittadinanza - Panamà gallery 4
per approfondire leggi la scheda completa del progettoAdobe-PDF-Document-icon
PANAMA